“Quel Nobel venuto dal Sud”

Salvatore Quasimodo, poeta amato e odiato, dal destino critico paradossale. Oggetto di un vero e proprio isolamento da parte della critica militante, la sua figura col tempo si è appannata e ancora oggi, mentre nella comunità letteraria mondiale è considerato uno dei più grandi rappresentanti della poesia moderna, in Italia permangono intorno alla sua figura e alla sua opera strane zone di silenzio e di oblio.
Nello splendido scenario di Torre di Ligny, ospiti dell’associazione Euploia, ultimo appuntamento dell’edizione 2016 di Terrazza d’Autore con il poeta e critico Domenico Pisana che ha dedicato a Quasimodo il saggio “Quel Nobel venuto dal Sud. Salvatore Quasimodo tra gloria ed oblio”.
Conduce la conversazione Stefania La Via, letture di Giovanni Barbera.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Terrazza d’Autore 2016

Locandina_definitiva_TdA_2016Torna – per l’undicesimo anno consecutivo – “Terrazza d’Autore. Voci, racconti, suggestioni al calar del sole”, la rassegna letteraria curata da Stefania La Via e Ornella Fulco per l’associazione “Fondazione Pasqua2000” di Trapani.
Sette gli incontri in programma, a partire dal 10 luglio e fino al 20 agosto. Gli appuntamenti si svolgeranno, dalle 19 alle 20, negli spazi esterni del Molino Excelsior di Valderice (messi a disposizione dall’amministrazione comunale e in collaborazione con la Pro Loco Valderice), al Museo civico Torre di Ligny di Trapani (in collaborazione con l’associazione Euploia), e al Circolo del Tennis di Erice (in collaborazione con il Gruppo Saman).

Questo il calendario completo:
10 luglio “Le mie poesie più belle”. La Siria e l’Oriente nei versi di Nizar Qabbani, con Silvia Moresi e Aldo Nicosia. Modera Stefania La Via, letture di Ornella Fulco.
Molino Excelsior – Valderice
15 luglio #Cervantes400 “Miguel de Cervantes e la Sicilia”, a cura di Domenico Ciccarello, letture di Virginia Alba.
Molino Excelsior – Valderice
22 luglio Stefania La Via racconta “Florence” di Stefania Auci. Letture di Ornella Fulco. A seguire intervista con l’autrice.
Molino Excelsior – Valderice
30 luglio“L’acrobata della scrittura”, Luigi La Rosa racconta Colette. Intervista con lo scrittore a cura di Ornella Fulco, letture di Stefania La Via.
Molino Excelsior – Valderice
5 agosto“Donne all’opera con Verdi” di e con Luciana d’Ambrosio Marri. Con Simona Guaiana (soprano), Rosalia Catalano (flauto) ed Enzo Toscano (violoncello).
Molino Excelsior – Valderice
9 agostoCentoPitrè, Gaspare Balsamo racconta Giuseppe Pitrè nel centenario della scomparsa.
Circolo del Tennis-Saman (viale delle Pinete) – Erice
20 agosto “Quel Nobel venuto dal Sud”, Domenico Pisana racconta Salvatore Quasimodo. Letture di Giovanni Barbera.
Museo Torre di Ligny – Trapani

“Architetture del silenzio”

Con Giovanni Barbera, Ornella Fulco e Stefania La Via. Musiche originali di Enzo Toscano. Regia di Giancarlo Figuccio, coordinamento tecnico di Matteo Gagliano. Con la partecipazione di Simona Guaiana e Natalia Demina.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Stefania La Via racconta “Il Gattopardo”

Il quarto appuntamento di Terrazza d’autore 2011, è stato dedicato ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Nella splendida cornice del Baglio Genuardi a Bonagia Stefania La Via ha raccontato “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi di Lampedusa. L’opera, capolavoro della narrativa del Novecento, uscì postuma nel 1958 e creò uno dei maggiori casi letterari del secondo dopoguerra. Un eccezionale successo di pubblico, culminato con l’assegnazione del Premio Strega e definitivamente consacrato nel 1963 dall’omonimo film di Luchino Visconti. La storia della società in Sicilia nel periodo tra lo sbarco delle truppe garibaldine e la fine del secolo XIX è rappresentata attraverso le vicende del principe Fabrizio Salina e del nipote Tancredi, l’uno chiuso in una sfiducia malinconica ed elegiaca nella storia e nelle sue possibilità di riscatto e di progresso, l’altro pienamente immerso nel vortice degli eventi per dirigerli e far sì che “tutto cambi per restare come prima”. Sullo sfondo l’irredimibile Sicilia, fatalista e immobile, attratta voluttuosamente, come il protagonista, dalla morte e dal nulla.

Voci: Giovanni Barbera e Ornella Fulco

Questo slideshow richiede JavaScript.