“Le città invisibili project” da I. Calvino

Ne “Le città invisibili” non si trovano città riconoscibili. Sono tutte città inventate, ognuna con un nome di donna. Per qualche tempo mi veniva da immaginare solo città tristi e per qualche tempo solo città contente; c’è stato un periodo in cui paragonavo le città al cielo stellato, e in altri momenti invece mi veniva sempre da parlare della spazzatura che dilaga fuori dalle città ogni giorno. In tutti i secoli ci sono stati poeti e scrittori che si sono ispirati al “Milione” di Marco Polo come ad una scenografia fantastica. Poche opere possono vantare una sorte simile: libri che diventano come continenti immaginari in cui altre opere letterarie troveranno il loro spazio; continenti dell’altrove, oggi che l’altrove si può dire che non esista più e tutto il mondo tende a uniformarsi. A Kublai Khan, imperatore malinconico, che ha capito che il suo sterminato potere conta ben poco perché tanto il mondo sta andando in rovina, un viaggiatore visionario racconta di città impossibili e misteriose. Che cosa è oggi la città, per noi? Forse stiamo avvicinandoci a un momento di crisi della vita urbana, e le città invisibili sono un sogno che nasce dal cuore delle città invivibili: immagini di città felici che continuamente prendono forma e svaniscono, nascoste nelle città infelici.(dall’introduzione di Italo Calvino)

Voci: Ornella Fulco, Stefania La Via, Nicola Augugliaro. Musiche di Enzo Toscano. Contributi video e ottimizzazione: Matteo Gagliano

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Terrazza d’autore 2010

Locandina Terrazza d'Autore 2010Terrazza d’Autore raggiunge quest’anno la 5ª edizione: la rassegna letteraria, voluta dalla Fondazione Pasqua2000 come prosecuzione estiva delle sue molteplici attività culturali, ha conquistato anno dopo anno un pubblico sempre più ampio e interessato, proponendo un ventaglio variegato di opere letterarie, teatrali e percorsi antologici nel mondo poetico di diversi autori. Il programma di quest’anno non smentisce questa scelta, anzi la amplia ulteriormente, grazie anche al patrocinio del Comune di Valderice e alla collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e con l’Istituzione “Teatro Valle di Erice”. Saranno otto gli appuntamenti in cartellone a partire dal 5 luglio con “Ignazio Buttita e la parola accesa” che vedrà il prof. Antonino Buttitta e la cantattrice Rosalia Billeci a raccontare e far rivivere il mondo poetico di uno tra i più grandi autori siciliani. Si proseguirà il 9 luglio con il recital “La Parola e l’Incanto” di e con Renzo Cremona, accompagnato dalla voce di Ornella Fulco. Gli altri appuntamenti in programma sono: il 16 luglio (Ornella Fulco racconta “La linea d’ombra” di J. Conrad), il 24 luglio con il teatro narrato (Gianfranco Perriera racconta “Hedda Gabler” di H. Ibsen), il 31 luglio ad Alcamo con “Mũθοι/Miti. Monologhi per voce sola” di A. Lepanto con Stefania La Via e Ornella Fulco, che avrà anche una connotazione benefica con una raccolta fondi in favore delle popolazioni del Madagascar. Il mese di agosto proporrà altri tre appuntamenti: il 4 “Sono nata il 21 a primavera. Alda Merini, le ragioni di una Poesia (a cura di S. La Via), il 12 la replica a Valderice di “Mũθοι/Miti. Monologhi per voce sola” di A. Lepanto e, per finire, il 22 “Le Città invisibili project” (da I. Calvino) a cura di Ornella Fulco, Stefania La Via e Nicola Augugliaro. Tutti gli appuntamenti avranno inizio alle 18.30 per terminare al tramonto, mentre il 22 agosto la collocazione sarà serale con inizio alle 21.30. Novità di questa edizione è la dislocazione delle “terrazze”: a quella, ormai familiare, dell’Hotel Villa Sant’Andrea” di Valderice si aggiungono le locations dell’Hotel “La Tonnara” di Bonagia e dell’Hotel “Torre Xiare” di Lido Valderice. Al termine degli appuntamenti è prevista una degustazione di vini e prodotti tipici locali offerta dall’amministrazione comunale di Valderice in collaborazione con alcune aziende produttrici del territorio.