“Quel Nobel venuto dal Sud”

Salvatore Quasimodo, poeta amato e odiato, dal destino critico paradossale. Oggetto di un vero e proprio isolamento da parte della critica militante, la sua figura col tempo si è appannata e ancora oggi, mentre nella comunità letteraria mondiale è considerato uno dei più grandi rappresentanti della poesia moderna, in Italia permangono intorno alla sua figura e alla sua opera strane zone di silenzio e di oblio.
Nello splendido scenario di Torre di Ligny, ospiti dell’associazione Euploia, ultimo appuntamento dell’edizione 2016 di Terrazza d’Autore con il poeta e critico Domenico Pisana che ha dedicato a Quasimodo il saggio “Quel Nobel venuto dal Sud. Salvatore Quasimodo tra gloria ed oblio”.
Conduce la conversazione Stefania La Via, letture di Giovanni Barbera.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

#Cervantes400 “Miguel de Cervantes e la Sicilia”

Si intitola #Cervantes400 “Miguel de Cervantes e la Sicilia” il secondo appuntamento di Terrazza d’Autore – curato da Domenico Ciccarello e con le letture dell’attrice Virginia Alba – ideato per rendere omaggio a Miguel de Cervantes – di cui ricorre quest’anno il quadricentenario della scomparsa – provando a rileggere la sua biografia e, soprattutto, la sua carriera e la sua fortuna letteraria sotto la lente del rapporto con la Sicilia.
Un rapporto niente affatto episodico, ricco di spunti e di storie ancora oggi di grande stimolo per noi. Il grande scrittore spagnolo sentiva certamente la risonanza dei grandi miti da cui la nostra Isola si trova avvolta sin dall’antichità. Miti che echeggiano ripetutamente nel “Don Quijote” e in altre opere cervantine. Ma la Sicilia era, per lui, principalmente un luogo concreto, al crocevia del Mediterraneo, attraversato da conflitti di civiltà, religioni, storie di schiavitù e di riscatti, di peripezie, salvezze e fortune.
E allora ecco – in un racconto delle “Novelas ejemplares” – con Leonisa e Ricardo, i due giovani protagonisti dell’Amante liberal, comparire anche Trapani, il suo mare, la sua gente. Ed ecco che ad Algeri, durante un periodo di prigionia in comune, Miguel de Cervantes e il poeta di Monreale Antonio Veneziano diventano amici.
Non meno interessante la ricezione del capolavoro di Cervantes in Sicilia nei secoli successivi. Ad esempio il poeta Giovanni Meli realizza una riscrittura in lingua siciliana del Don Chisciotte. Leonardo Sciascia, invece, analizza gli archetipi cervantini per scavare, con un sapiente gioco di specchi riflessi, attraverso la hispanidad del Siglo de Oro, nel profondo delle radici di una certa cultura individualista e antistatalista che, ancora oggi, continua a caratterizzare in qualche modo il popolo siciliano.
La lettura sciasciana di Cervantes, passando anche per Pirandello e Borges, ci permette di assaporare alcune tra le riflessioni più acute, forse tra le pagine critiche più splendide dello scrittore racalmutese, offrendo l’ennesima conferma dell’intramontabilità di Don Chisciotte della Mancha e del suo scudiero Sancho Panza (molti anni fa impersonati al cinema anche dagli attori siciliani Franco Franchi e Ciccio Ingrassia).

Questo slideshow richiede JavaScript.

Terrazza d’Autore 2016

Locandina_definitiva_TdA_2016Torna – per l’undicesimo anno consecutivo – “Terrazza d’Autore. Voci, racconti, suggestioni al calar del sole”, la rassegna letteraria curata da Stefania La Via e Ornella Fulco per l’associazione “Fondazione Pasqua2000” di Trapani.
Sette gli incontri in programma, a partire dal 10 luglio e fino al 20 agosto. Gli appuntamenti si svolgeranno, dalle 19 alle 20, negli spazi esterni del Molino Excelsior di Valderice (messi a disposizione dall’amministrazione comunale e in collaborazione con la Pro Loco Valderice), al Museo civico Torre di Ligny di Trapani (in collaborazione con l’associazione Euploia), e al Circolo del Tennis di Erice (in collaborazione con il Gruppo Saman).

Questo il calendario completo:
10 luglio “Le mie poesie più belle”. La Siria e l’Oriente nei versi di Nizar Qabbani, con Silvia Moresi e Aldo Nicosia. Modera Stefania La Via, letture di Ornella Fulco.
Molino Excelsior – Valderice
15 luglio #Cervantes400 “Miguel de Cervantes e la Sicilia”, a cura di Domenico Ciccarello, letture di Virginia Alba.
Molino Excelsior – Valderice
22 luglio Stefania La Via racconta “Florence” di Stefania Auci. Letture di Ornella Fulco. A seguire intervista con l’autrice.
Molino Excelsior – Valderice
30 luglio“L’acrobata della scrittura”, Luigi La Rosa racconta Colette. Intervista con lo scrittore a cura di Ornella Fulco, letture di Stefania La Via.
Molino Excelsior – Valderice
5 agosto“Donne all’opera con Verdi” di e con Luciana d’Ambrosio Marri. Con Simona Guaiana (soprano), Rosalia Catalano (flauto) ed Enzo Toscano (violoncello).
Molino Excelsior – Valderice
9 agostoCentoPitrè, Gaspare Balsamo racconta Giuseppe Pitrè nel centenario della scomparsa.
Circolo del Tennis-Saman (viale delle Pinete) – Erice
20 agosto “Quel Nobel venuto dal Sud”, Domenico Pisana racconta Salvatore Quasimodo. Letture di Giovanni Barbera.
Museo Torre di Ligny – Trapani

“Solo a Parigi e non altrove”

Viaggio letterario nei luoghi della Ville Lumiere con Luigi La Rosa. A cura di Ornella Fulco e Stefania La Via.
In collaborazione con Ente Luglio Musicale Trapanese.

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Architetture del silenzio”

Con Giovanni Barbera, Ornella Fulco e Stefania La Via. Musiche originali di Enzo Toscano. Regia di Giancarlo Figuccio, coordinamento tecnico di Matteo Gagliano. Con la partecipazione di Simona Guaiana e Natalia Demina.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Terrazza d’Autore 2015

Locandina_definitiva_TdA_2015_webSarà un’edizione itinerante quella 2015, la decima consecutiva, per “Terrazza d’Autore. Voci, racconti, suggestioni al calar del sole”, rassegna letteraria curata da Stefania La Via e Ornella Fulco. Gli appuntamenti si svolgeranno, infatti, oltre che negli spazi esterni del Molino Excelsior di Valderice (TP) – messi a disposizione dall’amministrazione comunale – anche al Museo regionale “Agostino Pepoli” a Trapani (in collaborazione con il Museo e il Lions Club Trapani), nel chiostro dell’ex convento di San Domenico a Trapani (in collaborazione con l’Ente Luglio Musicale Trapanese) e ai Campi da tennis della Pineta comunale di Erice (in collaborazione con l’associazione “Saman”).
Sei gli appuntamenti in programma, a partire dal 12 luglio e fino al 21 agosto.
Questo il calendario completo:
12 Luglio – Molino Excelsior, Valderice, ore 18.45
“Donne al di là del faro. Due secoli di storia della Sicilia occidentale attraverso dieci figure femminili”, di e con Rossella Floridia.
20 luglio – Museo “Agostino Pepoli”, Trapani, ore 21
“Architetture del silenzio”, con Giovanni Barbera, Ornella Fulco e Stefania La Via. Musiche originali del maestro Enzo Toscano. Regia di Giancarlo Figuccio, coordinamento tecnico di Matteo Gagliano e con la partecipazione di Simona Guaiana e Natalia Demina.
28 Luglio – Molino Excelsior, Valderice, ore 18.45
“Nascono nuvole dentro agli occhi chiusi”. La parola cinese incontra la parola italiana, con Renzo Cremona.
31 Luglio – Molino Excelsior, Valderice, ore 18.45
Massimo Pastore racconta “Qui è quasi giorno” di Michele Perriera, con Marta Marino.
11 Agosto – Chiostro San Domenico, Trapani, ore 19
“Solo a Parigi e non altrove”. Viaggio letterario nei luoghi della Ville Lumiere con Luigi La Rosa. A cura di Ornella Fulco e Stefania La Via.
In collaborazione con Ente Luglio Musicale Trapanese
21 Agosto – Campi tennis, Erice, ore 18.45
Giacomo Di Girolamo racconta “Dormono sulla collina”, con Massimo Pastore.

Ingresso gratuito. Al termine degli incontri, sia a Valderice sia ad Erice, sono previste degustazioni di prodotti rispettivamente a cura della Pro Loco di Valderice e dell’associazione “Saman”.

Nicola Augugliaro legge “Serisso”

Il testo si ispira a fatti realmente accaduti intorno al 1400 e, con ritmo coinvolgente, racconta la crudele vendetta di un corsaro trapanese nei confronti della moglie fedifraga. Sullo sfondo una Trapani in balia delle incursioni barbaresche. Amore, possesso, vendetta, smarrimento, sangue, morte, dolore. Una storia torbida che la memoria dei trapanesi sembra aver cancellato. Un oblio legato non solo allo scorrere inesorabile del tempo ma, forse, anche frutto di una rimozione collettiva. Ad introdurre la lettura di Nicola Augugliaro il talk a cura di Ornella Fulco con l’intervento della storica Giovanna Fiume che, proprio sull’argomento delle “schiavitù mediterranee”, ha dato alle stampe un volume edito da Bruno Mondadori.

Questo slideshow richiede JavaScript.